martedì 17 aprile 2018

20 APRILE 2018

GUYANA FRANCESE PARTE 9

Storia P 7

A partire dal 1828 comincia l'opera delle suore di San Giuseppe di Cluny, che sotto l'egida di Anne-Marie Javouhey cercano di riscattare gli schiavi neri e di trovare loro un lavoro da uomini liberi nella regione di Mana: l'opera delle religiose venne favorita dal deputato repubblicano Victor Schoelcher, che col decreto del 27 aprile 1848, approvato il 4 novembre dello stesso anno, sancirà l'abolizione definitiva della schiavitù da parte della Francia. L'editto, che dichiara liberi anche gli schiavi stranieri che mettano piede su suolo francese, provoca una massiccia immigrazione di schiavi provenienti dalle piantagioni del Brasile, che causerà tensioni fra i due Paesi, culminate nel 1851 con lo sconfinamento in territorio francese di alcuni proprietari terrieri brasiliani decisi a riprendere circa 200 schiavi in fuga.
La fine della schiavitù, pratica che riguardava in precedenza almeno 13000 persone a fronte dei circa 19000 abitanti totali della colonia, rischiò di provocare il collasso dell'economia della colonia a causa alla carenza di manodopera nelle piantagioni (che in quel periodò causò la rovina di numerosi proprietari terrieri): per questo motivo, venne incoraggiata a partire dal 1853 l'immigrazione di manodopera proveniente da India e sud-est asiatico (i cosiddetti coolie).


Shakira - Inevitable