sabato 27 gennaio 2018

27 GENNAIO 2018

ECUADOR Parte 16

Popolazione Parte F


                                                                        Religioni

Secondo il censimento del 2010, il 91,95% degli ecuadoriani è credente in una religione, il 7,94% si dichiara ateo e lo 0,11% agnostico. Dei credenti, l'80,44% si dichiara cattolico e l'11,3% evangelici. Altri gruppi religiosi presenti sono i mormoni (0,37%), i buddisti (0,29%) e gli spiritisti (0,12%)[41]. Il 31,3% degli intervistati afferma di seguire una funzione religiosa almeno una volta alla settimana, il 21,6% una volta al mese e il 15% in occasioni speciali.

Gli ebrei, arrivati in Ecuador durante la persecuzione da parte dei nazisti, sono per lo più concentrati a Quito, dove vivono 250 famiglie, mentre altre 100 vivono a Guayaquil. L'unica sinagoga è presente a Quito ed è stata costruita nel 1938, tuttavia il loro numero è in calo perché la maggior parte di essi ha preferito trasferirsi negli ultimi decenni negli Stati Uniti. 1800 circa sono invece i musulmani, che hanno a disposizione quattro moschee in territorio ecuadoriano: due a Quito, una a Guayaquil e una a Macas.

                                                                            Lingue

La maggior parte degli ecuadoriani parlano spagnolo, ma molti parlano anche lingue amerinde come il quechua, che assieme al shuar, allo tsafiki e altre lingue amerinde vengono considerate ufficiali dalla legge e parlate all'interno dei gruppi indigeni. Secondo il censimento del 2001 lo spagnolo era parlato dal 94% della popolazione, il quechua dal 4,1% e lo shuar dallo 0,55%.


Zucchero - Un'altra Storia