domenica 25 febbraio 2018

25 FEBBRAIO 2018

PERU' Parte 21

Popolazione Parte N

Etnie


Ashaninka Parte 2

Storia

Gli Asháninka sono storicamente conosciuti per essere fieramente indipendenti, e sono stati notati per il loro coraggio dai conquistatori spagnoli. Durante il boom della gomma (1839-1913), gli Asháninka sono stati schiavizzati dai raccoglitori di caucciù e si stima che l'80% della popolazione Asháninka sia stato ucciso. Per oltre un secolo, c'è stata l'invasione delle terre Asháninka da parte dei raccoglitori di gomma, dei taglialegna, di guerriglieri, narcotrafficanti, colonizzatori vari e compagnie petrolifere. Per gran parte della loro storia, hanno resistito alle influenze culturali esterne. Dal 1950 i territori Asháninka sono stati ridotti ed i loro insediamenti sono stati sistematicamente distrutti, con conseguente ritiro nella giungla. Alcuni Asháninka sono fuggiti in Brasile, e ora una piccola comunità di 600 o più ha il diritto di insediamento su alcuni territori nello stato di Acre.
Tra il 1980 e il 1990, il conflitto interno in Perù ha causato spostamenti di massa e numerosi morti tra le comunità Asháninka situato nelle valli di Ene, Tambo e Perene nei pressi della montagna Vilcabamba. Molti fuggirono verso l'interno. Non potevano né cacciare, né pescare in modo efficace a causa del pericolo rappresentato dai gruppi armati nella foresta, e la malnutrizione è diventata sempre più diffusa. Secondo la Comisión de la Verdad y Reconciliación, 10.000 Asháninka sono stati sfollati, 6.000 sono morti, e 5.000 sono stati presi prigionieri dai Sendero Luminoso in questo periodo, e dalle trenta alle quaranta comunità Asháninka scomparse.
A metà degli anni 2000, gli Asháninka hanno ottenuto titolo legale di una parte delle loro terre che sono oggi un parco nazionale e una zona riservata, il Parco nazionale Otishi. Ad oggi la maggior parte degli Asháninka sono tornati alle loro terre ancestrali, alcuni da luoghi lontani come il fiume Urubamba. Molti gruppi sono stati coinvolti in progetti per la preservazione culturale.

Tradizioni

Il tradizionale abito Asháninka, comunemente conosciuto come kushma (una parola quechua), è un abito realizzato in cotone, che viene raccolto, filato, tinto e tessuto dalle donne su telai. In genere gli abiti sono tinti di bruno o di un blu brillante. Le spalle degli abiti sono decorati con semi. Un abito può richiedere fino a tre mesi di lavoro.
Tradizionalmente, le donne portano i capelli lunghi, sopra la spalla, mentre di solito gli uomini portano i capelli corti o a "caschetto" fino a sotto l'orecchio. Intorno al collo portano una grande varietà di collane e bracciali fatti con i semi, denti di tapiro, pecari e scimmie, e piume colorate vivacemente. Tradizionalmente gli Asháninka, uomini, donne e bambini, dipingono la faccia con una varietà di disegni utilizzando semi rossi di Achiote (Bixa orellana) schiacciati. Per scopi cerimoniali, gli uomini indossano anche circoli di foglie di palma decorata con piume sulla testa, e le donne indossano un copricapo di cotone intrecciato.
È sempre più frequente vedere Asháninka, gli uomini più delle donne, vestiti in stile occidentale, soprattutto nelle zone occidentali, dove i missionari cristiani sono stati in grado di esercitare la loro influenza.


 Mario Biondi -If