lunedì 19 marzo 2018

19 MARZO 2018

PERU' Parte 40

Popolazione Parte AF

Etnie

Yawanawà

Gli Yawanawá sono un gruppo etnico del Brasile, del Perù e della Bolivia.

Lingua
Parlano la lingua Yawanawá che appartiene alla famiglia linguistica Pano e che mostra un elevato livello di intelligibilità con le lingue di altri gruppi tra cui gli Shanênawa, i Jaminawa, gli Shawanawa e i Sainawa. Molti membri del gruppo, soprattutto i più giovani, parlano anche il portoghese.

                                                                       Insediamenti
Vivono nello stato brasiliano dell'Acre, nel territorio indigeno del fiume Gregorio (92.859 ettari, delimitato nel 1984). Il territorio si trova nel comune di Tarauacá ed occupa le sorgenti di questo affluente del fiume Juruá. La comunità principale si trova nel villaggio di Nova Esperança, fondato nel 1992. Altre comunità vivono in Perù e in Bolivia.
  

Zaparà

 Gli Zápara (o Záparos) sono una tribù indigena della giungla amazzonica tra il confine di Ecuador e Perù. Un tempo occupavano 12.000 miglia quadrate tra il fiume Napo e il fiume Pastaza. All'inizio del XX secolo vi erano circa 200.000 Zapara.

Cultura 

Mangiavano pesce pescato dai fiumi vicino ai loro villaggi. Usando cerbottane e dardi, cacciavano tapiri, pècari, quaglia, e curassow. Non cacciavano le scimmie ragno perché essi credevano che fossero loro antenati. Le richieste di caucciù nel XX secolo causarono la distruzione di parte della foresta in cui questi indigeni abitavano, e la gente venne resa schiava: gli uomini dovevano coltivare e raccogliere la gomma, e le donne venivano stuprate e costrette a prostituirsi.
Il numero dei componenti è diminuito considerevolmente, al punto che ai giorni nostri rimangono 300 persone di questo gruppo etnico, e pochi di esse parlano la loro lingua nativa. LA maggioranza parla Quichua, alcuni parlano una lingua mista composta da Quichua e Záparo. La persona più anziana in vita è una donna di 70 anni, Ana Maria Santi. Non beve la chicha e non mangia carne di scimmia ragno in quanto violerebbe il suo credo spirituale; tuttavia molti degli indigeni sono costretti a cacciare le scimmie perché non hanno altro modo per procurarsi carne. Alla donna questo sembra un atto cannibalistico. La sua famiglia vive in un piccolo villaggio sul fiume. Nel 2001 la popolazione contava solo 300 individui, 200 in Ecuador e 100 in Perù, di cui solo cinque, tutti di età sopra i 70 anni, parlano la lingua Záparo fluentemente. L'UNESCO ha dichiarato la lingua Záparo come uno dei "Patrimoni orali e immateriali dell'umanità" lo stesso anno.


Fabi, Silvestri, Gazzé - L'Amore non esiste